Il rover perseverance conferma l’esistenza dell’antico lago di Marte

Il rover perseverance ha confermato l’esistenza dell’antico lago di Marte e del delta del fiume, probabilmente scomparso per un evento climatico che ha cambiato la storia del pianeta. I nuovi risultati aiuteranno i membri del team di missione a pianificare le prossime mosse del rover.

Il rover perseverance conferma l'esistenza dell'antico lago di Marte
Il rover perseverance conferma l’esistenza dell’antico lago di Marte

Perseverance conferma l’esistenza di un lago su Marte

Perseverance è atterrata a febbraio sul pavimento del cratere Jezero largo 28 miglia (45 chilometri), scelto principalmente perché precedenti osservazioni da parte di orbiter marziani suggerivano che ospitasse un grande lago e un delta di fiume in un lontanissimo passato.

Le foto scattate da Perseverance all’inizio della sua missione, prima ancora che il robot delle dimensioni di un’auto iniziasse a vagare, confermano questa interpretazione, secondo un nuovo studio.

Senza guidare da nessuna parte, il rover è stato in grado di risolvere una delle grandi incognite, ovvero che questo cratere era un tempo un lago“, ha detto in una conferenza stampa il coautore dello studio Benjamin Weiss, professore di scienze planetarie presso il Massachusetts Institute of Technology. dichiarazione. “Fino a quando non siamo effettivamente atterrati lì e abbiamo confermato che era un lago, era sempre una domanda a cui cercavamo risposta“.

I compiti principali del rover Perseverance

In una immagine della telecamera HiRISE a bordo del Mars Reconnaissance Orbiter della NASA, mostra una vista orbitale della ventola delta nel cratere Jezero e del sito di atterraggio del rover Perseverance, chiamato informalmente Octavia E. Butler. Sono raffigurati anche la collina chiamata Kodiak, la scarpata del Delta e la posizione di materiale ricco di massi.

Il rover Perseverance ha due compiti principali durante la sua missione del costo di 2,7 miliardi di dollari: cercare i segni della vita passata su Marte e raccogliere dozzine di campioni per il futuro ritorno sulla Terra. (Il rover ha anche supportato e documentato le prime sortite del suo compagno di viaggio, l’elicottero Ingenuity Mars della NASA, che ora sta volando in modo più indipendente sul Pianeta Rosso.)

Acqua su Marte: esplorazione e prove

Jezero Crater è stato ritenuto un buon posto per fare questo lavoro, sulla base dei dati raccolti da veicoli spaziali come il Mars Reconnaissance Orbiter della NASA.

Le immagini orbitali hanno mostrato una caratteristica a forma di ventaglio a Jezero che i membri del team della missione hanno interpretato come un delta, un luogo in cui un fiume sfociava in un lago circa 3,7 miliardi di anni fa, depositando sedimenti che potrebbero ospitare prove di antichi microbi marziani, se mai esistiti.

Nel nuovo studio, che è stato pubblicato online il 7 ottobre sulla rivista Science, i ricercatori hanno analizzato le prime foto che Perseverance ha scattato da lontano a questo presunto delta con la sua suite di imaging Mastcam-Z e una fotocamera sul suo strumento SuperCam.

Queste foto hanno catturato il bordo del grande affioramento del delta e un’isola soprannominata “Kodiak“, che il team della missione pensa sia un residuo erosivo della stessa formazione. Le immagini erano particolarmente nitide e il team ha visto in esse distinti strati di sedimenti che potevano essere stati depositati solo da un fiume che scorre in un lago.

Le osservazioni di Kodiak “puntano inequivocabilmente verso una deposizione di fiume (sedimenti) con un delta e un lago”, ha detto a Space.com l’autore principale dello studio Nicolas Mangold, del Centro nazionale francese per la ricerca scientifica e dell’Università di Nantes. (L’altro co-autore principale è Sanjeev Gupta, dell’Imperial College di Londra.)

Questo ci aiuta a limitare il livello del lago e ci aiuterà a costruire uno scenario della formazione del delta e dell’attività del lago lungo la traversata di Perseverance, e anche a identificare gli strati giusti da analizzare e campionare“, ha detto Mangold.

È interessante notare che le osservazioni di Perseverance mostrano che l’antico lago Jezero era di circa 330 piedi (100 metri) più basso di quanto suggerito dai dati orbitali, “segnando una fase del delta ben dopo l’inizio della sua formazione“, ha aggiunto l’autore Mangold.

Non possiamo estrapolare l’inizio dell’evoluzione di Jezero, prima della deposizione del materiale a Kodiak, perché gli strati corrispondenti sono nascosti più lontano nel delta“, ha aggiunto. “Ma Perseverance potrebbe essere in grado di dare più risultati su questo quando attraverserà il delta