La terra si oscura: colpa del cambiamento climatico?

La Terra, vista dallo spazio, non è più luminosa come 20 anni fa. In media, la luce solare riflette circa lo 0,5 percento in meno, come indicato dalle misurazioni astronomiche del bagliore terrestre e dai dati satellitari. I ricercatori ritengono che la probabile causa di questa bassa albedo potrebbe essere il riscaldamento degli oceani e il conseguente assottigliamento delle nuvole basse e luminose sospese nell’oceano. Tuttavia, non è chiaro se ciò sia dovuto a cause naturali o umane.

La terra si oscura: colpa del cambiamento climatico?
La terra si oscura: colpa del cambiamento climatico?

La Terra più scura dello 0,5% negli ultimi 20 anni

La Terra proietta nello spazio circa il 30% della luce solare a onde corte in arrivo. Questa luce fa apparire il nostro pianeta un po’ blu e bianco dallo spazio, ed è persino sufficiente per illuminare un po’ il lato oscuro della luna nuova di fronte a noi.

Dipende principalmente dalla copertura nuvolosa del pianeta e anche dalla copertura di ghiaccio. Poiché c’è più terra nell’emisfero settentrionale e questi fattori variano più fortemente durante le stagioni, l’albedo è più alta nell’inverno settentrionale che in estate.

Ma tra quelle condizioni meteorologiche datate, le fluttuazioni stagionali sembrano mascherare una tendenza a lungo termine, come rivelano ora le misurazioni di Philip Good del New Jersey Institute of Technology e del suo team. Per il loro studio, hanno valutato i dati del Big Bear Solar Observatory in California, che opera regolarmente dal 1998.

Prima e dopo la luna nuova, le scale di luminosità della Terra sono invertite. Inoltre, hanno utilizzato i dati di misurazione dello strumento CERES dei satelliti di osservazione della Terra Aqua- e Terra, che misura regolarmente la riflessione della superficie terrestre dal 2000.

L’effetto della radiazione solare

Per poter registrare l’effetto della radiazione solare, i ricercatori hanno scelto un periodo di oltre 20 anni per la loro valutazione. “Durante un ciclo di undici anni, il Sole è in media lo 0,1% più luminoso del minimo alla sua massima attività“, spiegano Judd e colleghi. Questo influenza anche la luminosità e il bagliore della Terra ed è stato incluso nelle analisi.

Il risultato è stato sorprendente: la Terra è diventata molto più scura negli ultimi due decenni.

Oggi, una media dello 0,5 percento di luce viene nuovamente proiettata nello spazio rispetto a 20 anni fa. Gli scienziati hanno affermato che “secondo i dati sulla luminosità della Terra, l’albedo della Terra è diminuito di 0,5 watt per metro quadrato durante questo periodo“. I dati satellitari indicano una diminuzione maggiore di 1,6 watt per metro quadrato.

Questo calo dell’albedo è stato una sorpresa per noi“, afferma Good. I ricercatori spiegano: “È notevole quanto le anomalie geotermiche interannuali corrispondano a quelle di CERES. Entrambi mostrano una diminuzione, soprattutto negli ultimi anni, sebbene coprano regioni leggermente diverse della Terra”.

Ma cosa ha causato questo oscuramento? Sarebbe ragionevole presumere che la radiazione solare sia cambiata durante questo periodo. Tuttavia, il confronto con i dati non ha mostrato alcuna relazione tra l’attività solare e il numero di macchie solari o irraggiamento con le tendenze nell’aspetto della Terra. “I nostri dati non trovano prove che l’attività solare abbia avuto un effetto diretto o indiretto sulla riflessione della Terra negli ultimi due decenni“, scrivono Good e colleghi.

Fluttuazioni naturali o impatto del cambiamento climatico sulla Terra?

Invece, i ricercatori sospettano le cause terrestri della diminuzione dell’albedo del nostro pianeta, compresa la sua copertura di ghiaccio, nonché i cambiamenti a lungo termine delle temperature del mare.

È noto da studi precedenti che le nuvole oceaniche basse e luminose sulle regioni oceaniche subtropicali riflettono dal 30 al 60 percento della radiazione solare a onde corte nello spazio. Pertanto, queste nuvole oceaniche svolgono un ruolo importante nella regolazione del clima e dell’albedo terrestre.

Ma come mostrano i dati CERES, queste nuvole in particolare sono diminuite negli ultimi anni.

A causa dell’innalzamento della temperatura del mare nel Pacifico orientale, la copertura nuvolosa è diminuita in modo significativo, soprattutto al largo delle coste occidentali del Nord e del Sud America, e con essa l’albedo di queste aree. “Finora, non è chiaro se questi cambiamenti siano dovuti a fluttuazioni interne del clima o se facciano parte di reazioni a influenze esterne“, affermano Good e il suo team.

In teoria, sia il cambiamento climatico che la variabilità climatica naturale come la Pacific Decadal Oscillation (PDO) potrebbero essere responsabili del riscaldamento delle regioni oceaniche e del ritiro delle nuvole oceaniche, o di entrambi. Il forte aumento dei valori di anidride carbonica e il cambiamento climatico associato portano a un grave assottigliamento delle nuvole oceaniche.

Impatto anche sul clima

Se l’albedo della Terra diminuirà ulteriormente, ciò avrà comunque delle conseguenze per il clima terrestre. Perché se viene restituita meno luce solare nello spazio, più energia rimane nel sistema terrestre e quindi anche calore. Pertanto, se l’albedo dovesse effettivamente cadere nel lungo periodo a causa dello scioglimento delle superfici ghiacciate, meno nuvole marine e altre influenze, ciò potrebbe portare a un’ulteriore intensificazione del riscaldamento climatico.

Questo è molto preoccupante“, commenta il geologo non docente Edward Schwitterman dell’Università della California, Riverside. Per molto tempo si è sperato che una Terra più calda avrebbe avuto nuvole più luminose e un’albedo più alta, quindi una certa compensazione per il riscaldamento antropogenico. “Ma questi risultati suggeriscono che potrebbe essere il contrario“, ha detto Schwettermann.