Scienza: il linguaggio segreto dei fiori e delle piante

I vegetali sono in grado di comunicare, ascoltare e provare emozioni? Secondo alcune recenti ricerche, pare proprio di si! Gli alberi ad esempio possono “cantare” attraverso il fruscio delle foglie mosse dal vento, mentre i semi prendono addirittura “decisioni”, mettendo radici nei luoghi più inospitali, nella crepa di un muro o un marciapiede se le condizioni permettono loro di germinare. A volte le piante sembrano avere perfino una sorta di “dialogo” con gli insetti, soprattutto con le api.  Cosa dice la scienza al riguardo?

Scienza: il linguaggio segreto dei fiori e delle piante
Scienza: il linguaggio segreto dei fiori e delle piante

La scienza conferma: piante e fiori comunicano

Quando i fiori parlano alle api, è diverso da quando le persone chiacchierano. I petali non coniugano i verbi o usano gli aggettivi per dire a un’ape che sembra bella quando vola, almeno per quanto ne sappiamo. Ma le piante rispondono in qualche modo ai suoni dispersi nell’aria di un insetto impollinatore, salutandolo con una maggiore produzione di nettare nella speranza di attirarlo. È una lingua poetica e pratica che aumenta le possibilità di sopravvivenza di tutti.

Gli scienziati credono sempre più che alberi e piante comunichino tra loro, vari esseri viventi e l’ambiente, rispondendo alle vibrazioni acustiche . Ora ci sono ulteriori prove grazie a un nuovo studio sul “linguaggio naturale”, nel quale i ricercatori di tre scuole dell’Università di Tel Aviv – scienze delle piante e sicurezza alimentare, zoologia e ingegneria meccanica – hanno collaborato a uno studio che misura come le primule serali, o Oenothera drummondii, rispondono al suono.

La ricerca – pubblicata su bioRxiv , un server di prestampa per articoli di biologia – non è stata ancora sottoposta a revisione paritaria, ma i suoi risultati sono in linea con le recenti scoperte sulla vita interiore delle piante. Lo studioso Ed Yong all’Atlantico ha chiesto ai biologi vegetali non associati a questo documento di valutare i risultati, osservando: “Quasi all’unanimità, hanno affermato che le piante possono ascoltare”.

I petali dei fiori “ascoltano” le vibrazioni delle ali di un’ape

Nello studio gli scienziati hanno confrontato la risposta delle piante a suoni diversi, su varie frequenze, utilizzando la “vibrometria laser” per misurare la vibrazione dei petali dei fiori. Hanno anche valutato gli impollinatori e i fiori che interagiscono nel campo in quattro diversi esperimenti, usando innesti di centinaia di specie cresciute naturalmente all’aperto, nonchè impollinatori allo stato brado di notte e durante il giorno. Alla fine, i ricercatori hanno trovato una sorta di “comunicazione” in gioco.

Scienza
Scienza: il linguaggio segreto dei fiori e delle piante

Il team di ricerca ha studiato le vibrazioni delle ali delle api, mentre ronzano intorno alle primule serali. Ebbene, i fiori vibravano quando sentivano i suoni, come se stessero “ascoltando”. Ma i fiori non rispondevano allo stesso modo ad ogni suono o al silenzio. Quando gli scienziati hanno riprodotto registrazioni di impollinatori che volavano oltre, o altri suoni a frequenze simili a quelle prodotte dalle api, i fiori hanno risposto producendo un nettare più dolce in circa tre minuti.

Altri suoni a frequenze diverse, però, non hanno portato allo stesso risultato. I fiori vibravano, ma non aumentavano la dolcezza della loro produzione di nettare. Ogni fiore è stato svuotato prima dell’esperimento, e quindi le concentrazioni di zucchero del nettare prodotto sono state misurate prima e dopo per confrontare la produzione in base alle frequenze dei vari suoni.

Secondo la scienza le “orecchie” di una pianta sono i fiori

La concentrazione media di zucchero era superiore del 20% nei fiori esposti a frequenze simili a quelle di un impollinatore, ma è rimasta stabile al suono di registrazioni di frequenze più elevate e silenzio. I ricercatori spiegano: “I nostri risultati documentano per la prima volta che le piante possono rispondere rapidamente ai suoni degli impollinatori in modo ecologicamente rilevante.

Risultati che hanno portato gli studiosi a sostenere che i fiori sono in pratica “le orecchie” di una pianta, con la funzione di informarla nel suo insieme di ciò che sta succedendo nelle vicinanze e quando è il momento di “corteggiare” un impollinatore.

Le piante devono essere sensibili al suono degli insetti impollinatori perché hanno una relazione simbiotica tra loro, dipendono dagli impollinatori per la riproduzione, quindi producono un nettare più dolce come una specie di “seduzione”. E le api lo succhiano, attirati dalla sua dolcezza, il che significa che sono perfettamente in sintonia con ciò che i fiori stanno facendo.

I risultati indicano anche che le piante sono (probabilmente) sensibili ai rumori prodotti dall’uomo. Mentre i ricercatori hanno ampiamente misurato la sensibilità delle piante agli aspetti dell’ambiente, come la luce e il tatto, ci sono stati pochi studi precedenti su come i fiori rispondono ai suoni dispersi nell’aria.

Lo studio è solo un primo passo

Quest’ultimo lavoro indica che le piante fanno affidamento sulle loro capacità di ascolto, rispondono alle vibrazioni acustiche per attirare gli impollinatori e che possono distinguere tra chiacchiere umane, ad esempio, e il suono molto più utile del ronzio di un’ape. E può darsi che in ambienti rumorosi, i fiori abbiano difficoltà ad ascoltare i loro impollinatori e a rispondere in modo appropriato.

Mentre questo studio è solo un primo passo per capire come le piante rispondono all’acustica nell’aria, i ricercatori credono che ci sia qualcosa di più nella storia uditiva che hanno iniziato a scoprire. “La capacità di ascolto ha implicazioni che va ben oltre l’impollinazione: le piante potrebbero potenzialmente ascoltare e rispondere agli erbivori, altri animali, elementi e forse altre piante”.

Fonte